A+ A-
Ridimensiona i caratteri del testo
cliccando i bottoni a fianco.
OK
Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e consente l’invio di cookie “terze parti”. Puoi conoscere i dettagli consultando la nostra Cookie policy, da cui è possibile negare il consenso all’installazione di qualunque cookie.
Centro di Ascolto | 345 8445884

Un sentiero chiaro ma non sempre evidente

Con questo articolo voglio mettere in evidenza cio’ che io, noi del PIP riteniamo ,insieme ai nostri esperti che ci seguono in lungo e in largo in Italia ( Dr. Rosario Sorrentino, Dr. Francesco Cesarino, Dott.ssa Laura Bellodi e tanti altri ancora) sia la strada, il sentiero, per uscire dal tunnel del panico. Sentiero che esiste e che puo’ e deve essere percorso con tempestività prima possibile all’insorgere del disturbo di panico.

Gli esperti ( nazionali e internazionali) hanno acclarato che il disturbo di panico è una vera e propria malattia e presenta profili genetici in base ai quali solamente chi è predisposto geneticamente sviluppa il disturbo qualora si presenti quella che viene considerata la goccia che fa traboccare il vaso ( uno stress prolungato, un trauma, la fine di una relazione, un lutto, ecc…) .

Io parto sempre nell' esporre il mio pensiero sia dalla mia personale esperienza che dall’esperienza delle persone che abbiamo avuto modo di conoscere dal 2011 ad oggi in associazione; sottolineo se mai ce ne fosse bisogno che non ho alcun interesse nel sostenere una tesi piuttosto che un’altra se non quello di poter aiutare il maggior numero di persone possibile a sconfiggere quello che io ho definito proprio nel mio libro “un mostro”. Sì, perché il panico è un vero e proprio mostro che quando entra nella nostra vita spesso ci possiede e fa di noi ciò che vuole condizionandoci negli spostamenti, nella quotidianità , restringendo sempre di più la nostra libertà. Ci tiene in ostaggio.

Fatte le premesse doverose e molto importanti per evitare speculazioni o dubbi o sospetti, voglio elencare con la maggior chiarezza possibile il percorso di quel sentiero che noi abbiamo tracciato e stiamo tracciando per dare il nostro contributo a chi soffre e alle famiglie di chi sta male.

1. Il panico, o meglio il disturbo di panico è una malattia curabile, dalla quale si puo’ guarire come da tante altre malattie.
2. Chi soffre di panico NON è: matto, fragile, debole, inferiore, menomato,meno intelligente di chi non ne soffre
3. Chi soffre di panico non fa i capricci.
4. Dal panico si puo’ guarire. Gli alleati da attivare sono, nell’ordine:
-neurologi o psichiatri esperti in attacchi di panico
-psicoterapeuti cognitivi-comportamentali
-attività fisica di tipo aerobico costante.
5. Chi sta vicino a una persona che soffre di attacco di panico deve avere un atteggiamento solidale ma non compassionevole, attivo ma non prepotente. Chi soffre di panico ha necessità di essere compreso, aiutato e spronato ad intraprendere quel sentiero ed è necessario individuare quelli che sono i confini del panico per evitare da un lato di sottovalutare il disturbo e dall’altro di rimanere ostaggi di chi soffre di panico e si appoggia a peso morto ai propri cari.
6. Le droghe sono dannosissime per chi soffre di panico, sia pesanti che c.d. leggere ( vi invito a leggere gli articoli sul sito sulla Cannabis) .
7. Gli psicofarmaci non sono diversi da tanti altri farmaci e se prescritti da medici esperti non creano né dipendenza né effetti collaterali mostruosi. Sono farmaci come tutti gli altri , ma ricordiamoci anche di dire loro grazie perché spesso ci salvano la vita. Non se ne deve abusare, non si devono usare senza controllo medico e non si possono assumere con leggerezza ma , detto questo, non sono diversi da quelli che assumiamo abitualmente senza porci troppi problemi.
8. MAI MAI MAI il “fai da te” con i farmaci e MAI interrompere una cura in autonomia senza aver consultato il medico
9. Attenzione ai confronti su internet: non siamo tutti uguali pertanto è sbagliatissimo confrontarci con altri parlando di farmaci, di dosaggi ecc…. Solo un medico è in grado di consigliarci al meglio.
10. Ottimismo,volontà e determinazione sono elementi fondamentali per guarire!!!!!!

Condividi:


0 Commenti

Commenta

Vuoi lasciarci la tua opinione?
Lascia una risposta!
Lascia un Commento
Non sono presenti commenti
 Security code

Social Network